Animanomalia
– Di Liliana C. e Leonardo I.

Paneremo del Fiasco, anno 2018.
Gli animali dello zoo del centro sono vittime di una strana mutazione genetica che li rende diversi e stranamente aggressivi. Evasi dalle gabbie che li contenevano cominciano a seminare terrore e scompiglio in tutta la città. Solo un uomo è in grado di fermarli: Zozzik Mocholla, un cassaintegrato dedito al commercio clandestino di toporagni che coinvolgerà suo malgrado un’imbranata postina e un vecchio barbuto dal passato misterioso. Riusciranno i nostri eroi a sconfiggere la minaccia di questi infernali ammassi di pelo?

CLICCA QUI PER LEGGERE

Livida Cianotica
– Di Liliana Costa

Penelope ha 25 anni e non esce di casa da tre.
La sua esistenza si trascina in giornate sempre uguali e silenziose, tra lo scorrere imperituro delle ore e lo sfiorire del suo viso. Penelope non vive ma muore a poco a poco, divorata dall’ansia e dall’agorafobia. Non cerca di cambiare, non smette di pensare. In lei è fulgida l’ossessione della morte. Ma Penelope si sente già un cadavere. Sa di essere cibo per i vermi da tempo, già da quando una serie di turpi vicende l’hanno rotta e segnata fino alla tenebra. Un evento apparentemente innocuo però cambierà per sempre la sua vita.

CLICCA QUI PER LEGGERE

Ars Arkana: Le Rovine di Kaminesh
– Di Max Casagrande

La chiesa ha sempre dato la caccia a chi praticava la magia, definendoli sbagliati, abomini, sacrileghi. I maghi, gli stregoni, i druidi, le streghe, gli evocatori, le guaritrici… tutti loro sono morti o si nascondono al meglio delle loro capacità. Gli Arser, una volta, erano gli “obiettivi” più ricercati, ma sono tutti morti da diversi secoli.
Sì, come no…
In aria c’è odore di cambiamento: due Arkani, uno stregone ed un mago, si risveglieranno domani, a mezzogiorno, e la mia profezia sta per avverarsi: la guerra sta per finire, ed è destinata a farlo entro la prossima luna piena. Che siano i draghi o le fate, qualcuno accompagnerà il Dimenticato fino alle rovine della vecchia accademia, dove avverrà l’ultima battaglia.
Colui che non voleva nuocere tornerà sui propri passi, accompagnato dalla sua famiglia. E temo, purtroppo, di essere proprio io quel ‘colui’.

– Dagli appunti del Mistico, pagine dell’Ars Arkana.

“A chi, come me, piace la magia, e prima di tutto pensa a una sola cosa… CASTARE PALLA DI FUOCO”

Max

CLICCA QUI PER LEGGERE

L’Erede D’Argento
– Di Simone Orticelli

“Ricorda Larias, al mondo non esiste uomo che sia sempre coraggioso, o pavido del tutto.” Nelle terre di Almascra vige una Tetrarchia, un rigido governo che si sposa con il Culto locale. Personalità multiformi, appartenenti al volgo e alla nobiltà, perseguono valori e vivono intrighi. Larias, un ragazzo quattordicenne, e la mistica Beleia vanno per città e castelli, errano per campi e boschi dove, da tempi immemori, si celano le inesplicabili forze dell’occulto.”

CLICCA QUI PER LEGGERE

Zaira
– Di Max Casagrande

Marta è una ragazza normale in fin dei conti: si preoccupa delle amicizie, della scuola, dell’imminente università… e proprio all’ultimo anno di superiori è costretta a trasferirsi per colpa del lavoro dei suoi, e quindi si ritrova in una Roma fin troppo anonima per i suoi gusti, dove niente sembra attirarla.
Tre dei suoi compagni di classe, però, catturano la sua attenzione fin da subito: una ragazza bionda estremamente scaltra, un ragazzo paffuto con una strana propensione per le arti marziali e un’altra che si comporta come se tenesse per le palle tutti quelli che incontra ancor prima di salutarli. Questi quattro si scopriranno presto al centro di una serie di strani avvenimenti inspiegabili e dovranno (volenti o nolenti) affrontare tutte le strane cose che gli si pareranno di fronte.
Cose inspiegabili che sembrano essere attirate tutte da quella ragazza che a Marta non va per niente a genio, e che sembra avere un’abilità che la rende incredibilmente pericolosa.
Quella ragazza si chiama Zaira.

CLICCA QUI PER LEGGERE