Da qualche giorno nelle sale cinematografiche di tutta Italia: Joker, premiato con il Leone d’Oro a Venezia come miglior film in concorso.

Oggi non parliamo della trama, anche perché chi è che non conosce l’acerrimo nemico di Batman?

Preferiamo raccontare qualche curiosità sul cattivo personaggio di cui esistono molteplici versioni; dall’animata doppiata nientepopodimeno che da Mark Hamill, il Luke Skywalker che tutti conosciamo, fino all’ultima versione cinematografica interpretata da Jared Leto in Suicide Squad.

In realtà, l’originale viene dalla matita del fumettista Bill Finger, successivamente sarà Alan Moore a fargli vestire i panni del pagliaccio folle così come lo vediamo in questo film, che trae parecchia ispirazione da quest’ultimo.

La sua prima apparizione con il volto da folle e sorriso spaventoso, però, è datata 1951 nel fumetto The Man Behind The Red Hood! scritto da Bill Finger assieme a Lew Sayre Schwartz, George Roussos e Win Mortimer.

Però, sarà con The Killing Joke di Alan Moore nel 1988, che il clown inizierà ad assumere una connotazione molto più drammatica e profonda.

Come abbiamo detto, questo film trae parecchia ispirazione dal fumetto di Moore, ma si ispira molto anche a capolavori della cinematografia di Martin Scorsese come Taxi Driver e Re per una Notte. Non a caso, Robert De Niro è presente in questo film con lo stesso ruolo dell’antagonista di Re per una Notte, ovvero il comico di successo contrapposto all’emergente Joker/Arthur Fleck..

Un personaggio, dunque, tutto da scoprire nel nuovo film che vedrà il protagonista Joaquin Phoenix vestire i panni del clown dopo i Joker più amati come Jack Nicholson nel film di Batman diretto da Tim Burton, e di Heath Ledger della trilogia Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan, a oggi una vera icona.

Foto: Pagina Facebook ufficiale Joker film