Salve Scriptiani, ben tornati in questo straordinario mondo, oggi parliamo di Ent. Negli scorsi articoli abbiamo trattato le principali razze “buone”: elfi; uomini; nani; hobbit. Aggiungiamo l’ultima di questo “schieramento” con i Pastori di Alberi.

Indice

  • Gli ent fisicamente
  • Come sono organizzati
  • Il ruolo degli ent

Gli ent fisicamente

Questo popolo è tra i più antichi esistenti. Infatti Eru, già al tempo dell’Ainulindale, creò questi spiriti per difendere le creazioni di Yavanna dall’eccessivo sfruttamento. Essi apparvero insieme agli elfi quando il mondo era ancora giovane e avevano le sembianze di grandi alberi, uguali a quelli che proteggevano, ognuno diverso dall’altro.

Gli ensono creature molto alte e forti, hanno il ruolo di protettori di boschi e fintanto che questi vengono lasciati in pace i Pastori di alberi non intervengono, ma quando vengono minacciati i loro protetti la forza degli ent affronta senza remore i propri nemici.

Ci sarebbero poi gli Ucorni, ovvero una sorta di albero con una propria volontà. Queste creature sono spesso irose, ma sottostanno agli ordini dei Pastori di alberi.

Come sono organizzati

Questa razza è l’unica della Terra di Mezzo a non essere governata da un re o un capo. Infatti gli ent sono spesso divisi in famiglie. Infatti quando bisogna prendere decisioni generali si svolge quella che, nella nostra traduzione, è chiamata “Entaconsulta“, ovvero una riunione dei capi delle varie famiglie in cui si discute a lungo sul da farsi. Anche se essendo molto antico Barbalbero gode di un certo rispetto tra i suoi simili, comunque questo popolo non ha un reggente.

Ci sono però alcune piccole diversificazioni. Come abbiamo detto, i pastori di alberi sono legati alla protezione e all’accudire le foreste, ma non è per tutti così. Infatti esiste la controparte femminile, ovvero le Entesse, che dedicano le loro attenzioni agli arbusti e agli alberi da frutto, e si pensa che abbiano tramandato loro l’agricoltura.

Ultimi sono gli ucorni, infatti non hanno una mente proprio senziente, ma una propria voce che è concentrata sulla pulsione che li adombra. Come abbiamo detto, sono irosi e spesso attaccano, soprattutto se minacciati. Sappiamo da “Il Signore degli Anelli” che questi ascoltano gli ordini degli ent, ma che anche Tom Bombadil è in grado, con la sua signoria sulla Vecchia Foresta, di dare alcuni ordini a quello che a tutti gli effetti sembra essere un ucorno, ovvero il “Vecchio Uomo Salice“.

Eppure, nonostante la mole di materiale che abbiamo, non sappiamo bene quali sono le origini di queste creature. Tra tutte le teorie le due più accreditate sono:

  1. Sono alberi normali che hanno acquisito con il tempo alcuni dei tratti degli Ent. Quindi possono parlare e muoversi, ma rimangono quasi perennemente immobili.
  2. Erano un tempo degli Ent che sono caduti in una specie di apatia/letargo. Quindi posseggono ancora alcuni tratti della loro vecchia vita, come la parola e la capacità di muoversi e attaccare.

Il ruolo degli ent

Arriviamo finalmente a un aspetto che i profani delle opere letterarie di Tolkien non possono sapere. Gli ent non hanno un ruolo nella macro storia di Arda, tranne che per alcuni punti. Come già detto sappiamo che le entesse hanno insegnato probabilmente l’agricoltura alle razze, ma è vero che oltre a questo non si hanno riscontri di grandi interventi nelle questioni del mondo.

Riscontriamo un loro primo intervento quando si schierano dalla parte di Beren e Dior contro i guerrieri nani che avevano ucciso Thingol, sterminandoli una volta che questi sono entrati nei confini della loro foresta. Non abbiamo notizie di un loro ingresso in battaglia durante la “Guerra dell’Ira“, ma data la presenza di praticamente tutte le creature della TdM è improbabile una loro neutralità.

Sappiamo anche che fu a loro immagine che Melkor creò i Troll, molto probabilmente corrompendo alcuni ent, proprio come fece con gli elfi per gli orchi.

Eppure, il loro intervento maggiore è sicuramente durante la Terza Era, quando presero d’assalto Isengard e insieme agli ucorni uccisero tutti gli orchi e intrappolarono Saruman. E alla fine un bosco di ucorni venne mandato in aiuto della battaglia del Fosso di Helm, chiudendo le vie di fuga agli uruk-hai e uccidendone molti.

 

Bene, Scriptiani, arriviamo alla fine anche di questo articolo. Oggi abbiamo conosciuto questa razza straordinaria, nata dall’amore di Yavanna per le sue creazioni. Spero che vi siate incuriositi verso questo vasto mondo e che da esso possiate trarne ispirazione.

Con questo vi saluto, al prossimo articolo!