Salve Scriptiani, con lo scorso articolo abbiamo concluso la disamina sui Valar e sulle loro ispirazioni mitologiche, a tal proposito ringraziamo ancora la conoscenza di Vittorio e la sua disponibilità.

Oggi invece voglio parlarvi di un elemento fondamentale che ho voluto ritardare solo per fare chiarezza sulle principali Forze di Arda. Stiamo parlando della Geografia. Andiamo a conoscere il palcoscenico di tutti i più grandi eventi della sub-creazione di Tolkien.

 

Ea

Con questo termine indichiamo l’intero universo materiale, ovvero ciò che fu creato dalla Grande Musica. Quindi sia la Terra di Mezzo che Aman e Numenor, ma anche il grande mare Belegaer e l’oceano Ekkaia, fanno parte di Ea; anche tutte le atmosfere e le stelle sono contenute in questo universo.

Appreso ciò andiamo a considerare ogni componente separatamente, in modo da farci un’idea dei luoghi maggiori di Ea, nello specifico tratteremo dei continenti e quindi di ciò che è conosciuto come Arda.

 

Aman

La terra a Ovest, conosciuta come “Le Terre Immortali”, è la dimora delle Potenze di Arda. Infatti è qui che i Valar hanno le loro dimore.

Aman è circondato a ovest dall’oceano Ekkaia e a est dal grande mare Belegaer. La costa est è percorsa dall’estremo sud all’estremo nord dalla catena montuosa dei Monti Pelori, eretti per difendere Valinor.

Al centro dei suddetti monti, troviamo la Baia di Eldamar, che accoglie al suo interno l’isola di Tol Eressea, protetta da alcune isole: le Isole Incantate.

Un ultimo dettaglio su queste montagne è che ospitano la cima più alta di Arda, Taniquetil (Alto Picco Bianco). Questo monte si trova a ridosso della Baia di Eldamar sul lato sud e, come già detto nell’articolo dedicato loro, ospita la dimora di Manwe e Varda.

Aman era connessa a nord con la Terra di Mezzo attraverso lo stretto di Helcaraxe, un percorso nell’estremo nord che le collegava prima dell’Akallabeth.

All’interno della catena montuosa, nella zona centrale, troviamo Valinor il Reame Beato, il regno dei Valar. Dove troviamo tre città: Alqualonde, dimora dei Teleri; Tirion, casa dei Noldor;  Valmar, la principale città di questo luogo, dove risiedono i Vanyar; queste tre stirpi di abitanti altro non sono che le tre schiere di elfi che arrivarono a Valinor dopo il risveglio.

 

Numenor

Numenor fu eretta dal mare (Belegaer) come dono agli uomini che combatterono contro Melkor e fu situata tra la Terra di Mezzo e Aman. Quest’isola possiede una forma di stella a cinque punte.

Ora andiamo a vedere come viene suddiviso il suo territorio:

  • Forostar: è la penisola più a nord, la punta della stella; il terreno è prevalentemente sassoso e brullo. Mentre la zona ovest è relativamente più fertile, infatti presenta piccoli boschi di abeti.
  • Andustar: è la penisola a nord-ovest presenta un terreno prevalentemente roccioso con fitte foreste di abeti a picco sul mare e diverse baie rivolte a ovest.
  • Hyarnustar: è la penisola sud-occidentale di Númenor ed è costituita da montagne a picco sul mare nelle zone ovest e sud, mentre quella orientale è decisamente più fertile, ricca di vigneti e grandi spiagge.
  • Hyarrostar: è la penisola a sud-est ed è famosa per la quantità di boschi presente, tanto che fu questa zona di Numenor a diventare famosa per la costruzione di navi.
  • Orrostar: è la penisola orientale e ha un clima fresco, è al confine con l’Arandor, e vi sono moltissimi campi di grano.
  • Mittalmar: è la regione dell’entroterra di Númenor, quindi la più estesa; al suo interno troviamo altre due regioni: Emerie e Arandor. Emerie, la terra dei pastori ed è costituita da enormi praterie, ottime per il pascolo. Arandor (Terra dei Re), invece, è la zona più popolata dell’isola e, nonostante sia nel Mittalmar, presenta uno sbocco sul mare, situato a est, proprio alla congiunzione tra le due penisole Orrostar e Hyarrostar. Ed è proprio al centro di questa regione che troviamo il Meneltarma, la montagna più alta di Numenor e alla cui cima è stato costruito un santuario dedicato a Eru Iluvatar.

 

 

Bene Scriptiani oggi mi fermo qui con questa prima parte, tra due settimane entreremo nel merito delle terre a noi più famigliari e parleremo della nostra cara Terra di Mezzo, prima dei fatti de “Lo Hobbit” e de “Il Signore degli Anelli”.

 

Quindi per oggi è tutto. Sperando che questi luoghi possano affascinarvi e incuriosirvi, vi saluto!